Incentivi fiscali

INCENTIVI FISCALI

Detrazioni del 50%, del 65% e Conto termico

Grazie alla possibilità di accedere alle detrazioni fiscali oppure al Conto Termico, la sostituzione di una caldaia, l'acquisto di pannelli solari e pompe di calore è oggi particolarmente vantaggioso! Le recenti finanziare offrono l’opportunità di accedere a diverse agevolazioni fiscali inerenti il risparmio energetico e la maggior efficienza dell’impianto termico. Esse non possono essere cumulate tra loro, ma in base a vari fattori (economici, personali, di tipologia dell’intervento) ognuno può trovare la forma più  adeguata per recuperare parte dell’investimento fatto.

 


 

Le agevolazioni fiscali del 50% o del 65%
Consistono in detrazioni dalle imposte (IRPEF o IRES) usufruite solo se si presenta la dichiarazione dei redditi col modello 730 o Unico, per 10 anni con 10 rate di pari importo. Sono concesse quando si eseguono interventi di innovazione sull’abitazione e sui relativi impianti tecnologici o che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, ovvero:
- l’installazione/sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale anche con caldaie tradizionali non a condensazione
- l’installazione/miglioramento con innovazioni dell’impianto idrotermosanitario
- la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento tramite l’installazione di caldaie a condensazione o pompe di calore
- il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive di infissi)
- l’installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda


Recupero fiscale del 50% per ristrutturazioni Recupero fiscale del 65%

- installazione di una caldaia a condensazione classe A

- installazione di condizionatori con ristrutturazione edile: detrazione al 50% se il nuovo impianto è a pompa di calore, anche a non alta efficienza ma mira al risparmio energetico + riduzione IVA al 10%. Solo su unità immobiliari residenziali o parti comuni, condomini.

- installazione di condizionatori con bonus mobili con ristrutturazione: detrazione 50%, quando si realizza una ristrutturazione edilizia straordinaria su singole abitazioni o condomini, è possibile fruire della detrazione se si acquistano mobili e grandi elettrodomestici A+ (A per i forni), ivi compresi i climatizzatori.


- installazione di caldaie a condensazione classe A con contestuale istallazione di sistemi di termoregolazione evoluti 
- installazione di climatizzatori a risparmio energetico: detrazione al 65% per condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza che sostituiscono l’impianto di riscaldamento esistente. Detrazione fruibile sia per abitazioni, uffici, negozi ecc.
- installazione di condizionatori senza ristrutturazione: se non vengono effettuati lavori di ristrutturazione, è possibile lo stesso fruire dell’agevolazione fiscale, ma solo se si intende sostituire il vecchio climatizzatore con un condizionatore, ossia, un nuovo impianto a pompa di calore e ad alta efficienza energetica. In tal caso si ha diritto ad una detrazione del 65% per un massimo di spesa detraibile è di 46.154 euro.
- installazione di apparecchi ibridi per il riscaldamento, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.
- installazione di pannelli solari: detrazione Irpef o Ires suddivisa in 10 rate annuali di pari importo e l’importo massimo di risparmio ottenibile con la detrazione è pari a 60.000 euro. il bonus è riconosciuto anche alle strutture che erogano attività e servizi in cui è necessaria la produzione di acqua calda

 

Il Conto termico
Il Conto Termico ha generalmente un incentivo di minore importo rispetto alle altre agevolazioni fiscali.
Non è legato al reddito IRPEF/IRES ed è erogato indipendentemente dalle imposte pagate, ma gli incentivi sono erogati tramite bonifico dal GSE (Gestore Servizi Energetici) da 2 a 5 rate in base al tipo di intervento.
Copre le spese sostenute per l'acquisto e l'installazione del nuovo apparecchio.
Finanzia la sostituzione di vecchi generatori di calore (a biomassa, a gasolio, a carbone o ad olio combustibile) con nuovi apparecchi a biomassa quali stufe, caldaie, caminetti a legna o pellet e l'installazione di pannelli solari termici.